La Grossa Opera di Schoenenbourg è una tipica opera della Linea Maginot.

Schematicamente, essa può essere suddivisa in due parti - posteriore e anteriore - distanti, l’una dall’altra, circa 1000 metri e collegate tra loro dalla galleria principale, nella quale circolavano le locomotive elettriche a trolley dell’opera.

La parte posteriore comprende i due blocchi di ingresso, uno per le munizioni (Entrée Munitions o E.M.) e l’altro per gli uomini (Entrée Hommes o E.H.) ed è dotata, al suo piano inferiore, della caserma principale, di varie sale per il personale, della cucina, dell’infermeria e della centrale elettrica.

La parte anteriore è composta da sei blocchi di combattimento, di cui tre per fanteria (1, 2 e 6), e tre d’artiglieria (3, 4 e 5). Decisamente più importanti, questi ultimi erano dotati di torrette per cannoni da 75 mm. (blocchi 3 e 4) e per mortai da 81 mm. (blocco 5).

Da segnalare, infine, che il blocco 2 disponeva di una torretta per mitragliatrici.

In prossimità della parte destinata ai blocchi di combattimento si trovava il posto di comando principale (P.C.), in cui operavano i comandanti e gli ufficiali più importanti dell’opera.

Va ricordato che nel 1940 l’Opera di Schoenenbourg poteva contare su un presidio di circa 620 uomini.











- Ritorno